domenica 19 agosto 2018

FaTA-E - Le potenzialità

FaTA-E è lo strumento ottimale per il professionista che desidera avere il pieno controllo del calcolo strutturale in ogni sua fase e può essere arricchito di ulteriori funzioni attraverso l'interazione con i moduli di StruSec (solai, balconi, pali, portanza terreno, ecc.), SW Structure, Isolatori sismici, PGA e Consolidamento.


FaTA-E calcola strutture formate da travi e pilastri, schematizzabili come aste orientate nello spazio, e elementi shell bidimensionali tali da modellare piastre e lastre.
FaTA-E, inoltre, può essere personalizzato per affrontare le difficili problematiche relative alle strutture esistenti secondo le indicazioni del D.M. 14.01.2008 e della Circ. 617/2009. Infatti, mediante il modulo opzionale PGA, è possibile sia analizzare la vulnerabilità  sismica della struttura relativa agli stati limite richiesti dalle normative, che verificare la struttura “in adeguamento” alle richieste normative.


Utilizzando le varie funzioni dei moduli CoS è possibile, inoltre, consolidare gli i diversi elementi strutturali mediante varie tecniche tra cui quelle l'applicazione di fibre FRP, l’utilizzo di incamiciature in acciaio, l'innovativo metodo CAM e DIS-CAM e i ringrossi in c.a..
Il calcolo L’analisi della struttura viene eseguita relativamente alle condizioni di carico permanente, accidentale, stress termico e sismiche, con la possibilità di modellare nuove configurazioni di carico contenenti azioni concentrate ai nodi e carichi distribuiti sugli elementi.


Le varie combinazioni di carico, da inviluppare nel rispetto degli stati limite considerati, sono, inoltre, facilmente personalizzabili tramite gli opportuni coefficienti di combinazione. Il programma provvede anche alla generazione automatica delle una condizione combinazioni di carico relative al sisma verticale qualora si ricada nelle prescrizioni descritte dalla normativa. E’ presente inoltre la funzione di creazione automatica delle combinazioni dovute a neve e vento.


Un altro punto di forza del programma è la modellazione tridimensionale adatta a costruire modelli geometrici articolati, particolarmente utili alla schematizzazione delle strutture in acciaio e legno.
La visualizzazione dei risultati si sviluppa in un apposito ambiente dove è possibile controllare i valori relativi agli spostamenti, alle sollecitazioni e alle tensioni sul terreno per mezzo di rappresentazioni tridimensionali della struttura e di diagrammi o colormap. Lo stesso ambiente consente di eseguire  anche le varie animazioni modali in funzione di un dato accelerogramma definibile dall'utente stesso.


Grande attenzione è stata posta nell'elaborazione delle piante impalcati dove, attraverso un database relativo ai solai (latero-cemento in opera e, con traliccio e in c.a.p., lamiera grecata collaborante e non, plastbau metal, predalles, con travi in legno e con profilati acciaio), si possono generare i relativi schemi di calcolo rispetto a solai e balconi presenti sulla struttura. Nell'ambito dell'utilizzo di piastre in c.a il software provvede all'infittimento automatico delle armature nelle zone interessate dal maggior punzonamento.
Le verifiche strutturali vengono effettuate – oltre che secondo il D.M. 14.01.2008 - anche mediante le indicazioni fornite dagli Eurocodici.


Tali verifiche producono come output dettagliati esecutivi di cantiere tenendo conto anche della progettazione automatica del copriferro in funzione della classe di esposizione ambientale.
Per ciò che riguarda le verifiche agli stati limite ultimi, di danno e d'esercizio, nonché diametri e lunghezze commerciali sono definibili facilmente dalle opzioni di graficizzazione.  
Tutto ciò calcolato e verificato viene riportato oltre che nella dettagliata relazione di calcolo (modulabile secondo le esigenze di stampa) anche negli elaborati esecutivi (travate, pilastrate, tabelle pilastri, pareti, platee, carpenterie, plinti, pali) con tutte le indicazioni costruttive utili alla realizzazione delle opere.
 

Le armature proposte da FaTA-E possono essere modificate e verificate nell'apposito ambiente interattivo (modifica delle staffe e/o aggiunta di diritti, monconi, sagomati, ecc). Tutte le modifiche dei risultati saranno rese disponibili nei vari ambienti di visualizzazione e nella relazione di calcolo. In ogni fase il software ricalcola automaticamente le condizioni di verifica della gerarchia delle resistenze, con la possibilità di soluzione secondo diverse opzioni.
 

Nell'ambito delle strutture in acciaio, di grande importanza è la progettazione interattiva dei collegamenti (sia saldati che bullonati) attraverso l'interazione con i vari moduli UdF di SW Structure, i quali consentono, oltre che la verifica di ogni parte del nodo strutturale, la completa ed efficace rappresentazione grafica esecutiva di oltre ottanta tipologie di unioni. L'interazione con il modulo TraRet consente la gestione avanzata della progettazione completa di travature reticolari.
Per le strutture in legno è possibile analizzare interattivamente i collegamenti tra gli elementi mediante le funzionalità disponibili con l’aggiunta del modulo UdF TR Legno.