domenica 16 dicembre 2018

VEMnl FemWall - Cronologia aggiornamenti

______________________________________

VERSIONE 19 - Ottobre 2014
______________________________________

  • Modalità di calcolo per “Costruzioni semplici”
  • Possibilità di calcolare edifici con tipologia costruttiva “Blocco cassero” (opzionale)
  • Definizione grafica comando “Copia Selezione”

______________________________________

VERSIONE 18 - Ottobre 2013
______________________________________

  • Calcolo senza impalcato rigido
  • Gestione completa delle travature reticolari
  • Nuovo modello di calcolo per telaio equivalente
  • Possibilità di inserimento di carichi direttamente dall'input 3D
  • Possibilità della gestione dell'impalcato rigido dall'input 3D
  • Velocizzazione verifiche
  • Calcolo delle sollecitazioni incrementate del 40% per elementi in c.a., acciaio e legno collegati con elementi in muratura
  • Nuovo modulo opzionale CoSSOLAI  con possibilità di consolidamento di solai in latero-cemento, c.a.p. e legno
  • Aggiunte nuove tipologie di collegamenti flangiati in UdT-TUB
  • Ottimizzazioni per unioni a completo ripristino
  • Nuovi collegamenti UdF-TM

______________________________________

VERSIONE 16 - Ottobre 2012
______________________________________

  • Possibilità di inserimento di pilastri in muratura ed in legno
  • Gestione delle sopraelevazioni in legno
  • Possibilità di inserire fino a cinque fori per parete
  • Possibilità di inserire fino a dieci forze concentrate per parete
  • Aggiunte nuove tipologie di sezioni per i cordoli composti
  • Possibilità di utilizzo di tirante metallico con capochiave a paletto e graficizzazione del particolare
  • Incremento di resistenza nel piano dei maschi murari per effetto dei tiranti pretesi
  • Visualizzazione dei risultati per i meccanismi locali con analisi non lineare
  • Connessione ortogonale tra pareti consolidate con intonaco armato
  • Consolidamento dei pilastri in cls
  • Possibilità di inserimento di travi composte in acciaio
  • Calcolo non lineare per cerchiature
  • Possibilità di inserimento di platee in c.a. anche in elevazione
  • Aggiunto metodo FEM per il calcolo delle rigidezze equivalenti dei pali e dei plinti
  • Aggiunte nuove tipologie di collegamenti tra elementi in legno, attraverso il mod. UdF TR Legno
  • Migliorata la verifica a martellamento con la diversificazione dei dati per ogni lato
  • Verifica pretensione tiranti

______________________________________

VERSIONE 15 - Ottobre 2011 -
______________________________________

·          Nuovo modulo (opzionale) Archi&Volte  per la modellazione di archi e volte a botte con  possibilità di consolidamenti con tiranti metallici ed FRP;

·          Possibilità di consolidamento in fondazione attraverso il nuovo modulo CoSFOND (opzionale);

·          Aggiunta nuova tipologia di solai in c.a.p. nel modulo Solai (con il modulo 12 di Strusec);

______________________________________

VERSIONE 14 - Giugno 2011 -
______________________________________

Nuove specifiche funzioni per la realizzazione di sopraelevazioni completamente in c.a. o acciaio su edifici esistenti in muratura (secondo il punto 7.8.4 del DM 14.01.2008), ed in particolare:

  • analisi della struttura nel suo complesso (esistente e sopraelevazione) secondo l’analisi statica non lineare (Pushover);

  • primo modo di vibrare calcolato tenendo conto dell’interazione tra esistente e nuovo;

  • dimensionamento dei collegamenti tra esistente e nuovo con azioni incrementate del 30% (punto 7.8.4 del DM 2008);

  • Restituzione degli elaborati grafici degli elementi di nuova costruzione;

  • Possibilità di interagire con UDF per la realizzazione delle unioni in acciaio.

______________________________________

VERSIONE 13 - Ottobre 2010 -
______________________________________

 

·          Rinforzo a taglio e flessione nel piano e fuori piano di pareti in muratura con FRP  (nel modulo “CoS”);

·          Cuciture di lesioni con reti FRP (nel modulo “CoS”);

·          Cerchiature esterne con fasce FRP (nel modulo “CoS”)

·          Rinforzo di pareti in muratura con reti FRP (nel modulo “CoS”)

·          Aggiunta del cordolo composto in acciaio;

·          Possibilità di inserire il vincolo cerniera nelle travi di elevazione;

·          Livelli di conoscenza dei materiali con la possibilità di inserire i dati relativi alle prove sui materiali;

·          Possibilità di inserire forze concentrate sulle pareti;

·          Aggiunta della visualizzazione dei domini di resistenza dei maschi murari;

·          Migliorata la visualizzazione dei grafici con l’analisi statica non lineare;

·          Aggiunta visualizzazione spettri nei dati generali e nella relazione;

·          Aggiunta grafici analisi statica non lineare in relazione;

·          Visualizzazione in relazione dei soli meccanismi locali con coefficienti di sicurezza più bassi;

·          Visualizzazione tridimensionale dei consolidamenti;

·          Nuova relazione geotecnica e sulle fondazioni;

·          Aggiunta opzione stampa per piano in relazione;

·          Possibilità di confronto dei risultati tra struttura consolidata e non consolidata;

______________________________________

VERSIONE 12.0 - Ottobre 2009 -
______________________________________

·         Calcolo dei meccanismi locali (catene cinematiche)

·       Tiranti metallici (Modulo CoS)

·       Planimetria della disposizione dei maschi murari

·       Computo metrico dei consolidamenti

·       Funzione “Spezza elementi” su introduzione fili fissi

·       Possibilità di inserimento di solai in legno, in putrelle e tavelloni attraverso l’interazione  con SoVar

·       Calcolo e verifica integrata di Balconi in c.a. pieno a sezione variabile

·       Funzione “Copia proprietà” sugli elementi dell’input grafico e della modellazione 3D

______________________________________

VERSIONE 11.0 - Aprile 2009 -
______________________________________

  • Aggiunta del calcolo degli indicatori di rischio secondo le schede tecniche delle regioni Lazio e Molise

  • Aggiunta della verifica SLO.

  • Aggiunta del calcolo dei tempi di ritorno per i vari stati limite.

  • Aggiunta funzione di controllo del Pan nell'"Input Grafico" con il tasto centrale del mouse.

  • Aggiunta Funzione "ruota una copia" nell'"Input Grafico".

  • Aggiunta funzione rapida per fondazione rettangolare.

  • Aggiunta funzione "Copia da" per le tipologie di sezioni e plinti.

______________________________________

VERSIONE 10.0 - Ottobre 2008 -
______________________________________

  • Quadro fessurativo

  • CoS – Consolidamento Strutturale - Nuovo modulo opzionale per i consolidamenti di edifici in muratura

______________________________________

VERSIONE 9.0 - Luglio 2008 -
______________________________________

  • Allineamento al D.M. 14.01.2008
     

______________________________________

VERSIONE 8.0 - Ottobre 2007 -
______________________________________

  • Progettazione di edifici in muratura armata (opzionale). Effettua il calcolo e
    la graficizzazione di tutti gli elementi della struttura;

  • Nuovo input dei fori per facciate con la possibilità di gestire i fori
    direttamente su tutta la facciata dell' edificio e non per singola parete;

  • Manipolazione degli esecutivi di cantiere delle travate con
    verifica automatica.

______________________________________

VERSIONE 7.0 - Aprile 2007 -
______________________________________

  • Possibilità di calcolo e verifica anche secondo le vecchie normative
    Circ. 21745 e D.M. 20.11.1987.

______________________________________

VERSIONE 6.0 - Gennaio 2007 -
______________________________________

  • Possibilità di inserimento di offset rigidi dei maschi murari.


______________________________________

VERSIONE 5.0 - Novembre 2006 -
______________________________________

  • Calcolo degli indicatori di rischio dell'edificio (PGA)


______________________________________

VERSIONE 4.0 - Ottobre 2006 -
______________________________________

  • Allineamento al D.M. 14.09.2005 "Norme Tecniche per le Costruzioni"

  • Possibilità di inserimento di pareti  in c.a.


      ______________________________________

VERSIONE 3.0 - Aprile 2006 -
______________________________________

  • Possibilità di inserimento di platee in c.a.

  • Possibilità di inserimento di plinti e pali di fondazione in c.a

  • Visualizzazione del baricentro delle masse e delle rigidezze per ogni impalcato della struttura.

  • Possibilità di raggruppamento delle pareti nel calcolo sismico non lineare. Due o più pareti potranno essere raggruppate anche se spezzate da fili fissi e considerate come unico elemento.

  • Nel caso di verifica di strutture esistenti sarà possibile accedere ad un elenco di materiali redatto secondo le indicazioni delle tabelle 11.D.1 ed 11.D.2 riportati nell’ALLEGATO 11.D dell’ordinanza 3431.

  • Possibilità di inserimento del carico dovuto ai tamponamenti sulle travi e sulle pareti.

______________________________________

VERSIONE 2.0 - Febbraio 2006 -
______________________________________

  • Possibilità di inserimento di pilastri in c.a. Essi danno un contributo, per l'analisi statica lineare e dinamica lineare, solo ai fini dei carichi verticali mentre, per l'analisi statica non lineare, possono anche essere considerati, opzionalmente, per assorbire l'azione sismica, come previsto dalla Ordinanza 3431.

  • Schematizzazione a telai per l'analisi statica lineare e dinamica lineare. Per questo tipo di analisi, oltre alla schematizzazione a mesh, è possibile effettuare il calcolo schematizzando la struttura con il modello a telai equivalenti.

  • Verifica a schiacciamento. Essa viene effettuata sia in testa che al piede di ogni parete.

  • Verifiche geometriche (tab. 8.1 - punto 8.1.4 - Ord. 3431). Questa verifica viene richiesta solo per le strutture di nuova costruzione per le quali sarà possibile, opzionalmente, escludere o considerare ai fini sismici le pareti che non soddisfano i requisiti della suddetta tabella. Se vengono trattate strutture già esistenti il programma provvede automaticamente ad omettere questo tipo di verifica.

  • Visualizzazione pannelli solaio. Essi vengono visualizzati nella visione 3D, anche se inseriti come singoli pannelli.

  • Funzione UNDO_REDO. Con questa funzione sarà eventualmente possibile annullare modifiche erroneamente effettuate.